Eichette d'origine sulla pasta: ecco cosa troverete. E cosa non troverete

Breve guida per capire la nuova etichettatura dei maccheroni: come e quando cambierà, dopo il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 20 luglio 2017

L'olio turco di Mattarella e i consumatori superinformati del Censis

La rete che crede alla bufala del presidente contro l'extravergine italiano, dovrebbe capire tutto su quel che acquista da siti, blog e social network. C'è qualcosa che non torna

Il «mio» Oltrepò dimenticato dai trattati internazionali con Canada e Cina

Nessun vino dell'Oltrepò è fra quelli riconosciuti e tutelati da cinesi e canadesi. Le colpe dell'Europa e i silenzi del ministro Maurizio Martina

La casalinga di Voghera non legge le etichette alimentari

Ho osservato 184 atti di acquisto in quattro diverse catene della grande distribuzione nel capoluogo dell'Oltrepò Pavese: solo in 20 casi i consumatori hanno letto con attenzioni le indicazioni sulla confezione

Etichetta d'origine per latte e formaggi, dieci cose da sapere per non farsi fregare

In vigore dal 19 aprile 2017 l'obbligo di scrivere in etichetta la provenienza della materia prima. Ma occhio ai trucchi dei produttori furbi, che la nascondono in mezzo alle altre indicazioni

Il vino di Gerry Scotti non è ancora in vendita, ma già lo dichiarano fuorilegge

L'operazione del popolare showman ha scatenato molta invidia in Oltrepò ma non solo. E c'è chi la segnala per una presunta e inconsistente «etichettatura ingannevole»

Eichette d’origine sulla pasta: ecco cosa troverete. E cosa non troverete

Breve guida per capire la nuova etichettatura dei maccheroni: come e quando cambierà, dopo il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 20 luglio 2017

Il 20 luglio è arrivato in Gazzetta ufficiale il decreto che rende obbligatoria l’origine della materia prima per pasta e riso. Del cereale bianco mi occuperò un’altra volta. Ora mi limito a raccontarvi cosa accadrà concretamente per i maccheroni. TRASPARENZA SÌ, MA NON PRIMA DEL 2018 L’obbligo di indicare la provenienza del grano duro da cui
CONTINUA A LEGGERE

L’olio turco di Mattarella e i consumatori superinformati del Censis

La rete che crede alla bufala del presidente contro l'extravergine italiano, dovrebbe capire tutto su quel che acquista da siti, blog e social network. C'è qualcosa che non torna

Iperinformati, infedeli, sapienti combinatori di canali d’acquisto fisici e digitali: l’identikit del nuovo consumatore nella tanto attesa ripresa. Così recita il titolo di una nota (ecco il link) con la quale il Censis racconta i risultati di un sondaggio d’opinione sulle abitudini d’acquisto degli italiani. Ma immaginiamo di trovarci in un film. Cambia scena. Parte un
CONTINUA A LEGGERE

Il «mio» Oltrepò dimenticato dai trattati internazionali con Canada e Cina

Nessun vino dell'Oltrepò è fra quelli riconosciuti e tutelati da cinesi e canadesi. Le colpe dell'Europa e i silenzi del ministro Maurizio Martina

Se alla Lombardia è andata male per l’Oltrepò Pavese, il «mio» Oltrepò, è stata una disfatta. È completamente escluso dai due accordi siglati dall’Europa con Canada e Cina. Fuori dal Ceta, sigla astrusa che sta per Comprehensive economic and trade agreement, l’accordo di libero scambio firmato con Ottawa. Ed è fuori pure dalla lista delle 100 indicazioni
CONTINUA A LEGGERE

La casalinga di Voghera non legge le etichette alimentari

Ho osservato 184 atti di acquisto in quattro diverse catene della grande distribuzione nel capoluogo dell'Oltrepò Pavese: solo in 20 casi i consumatori hanno letto con attenzioni le indicazioni sulla confezione

Le casalinghe di Voghera non leggono l’etichetta dei prodotti alimentari. A decidere le loro scelte d’acquisto sono quasi esclusivamente due fattori: il prezzo e la marca. Sono poche quelle che, afferrata una confezione di prosciutto o una bottiglia di olio extravergine, la osservano con la dovuta attenzione. Leggendo le etichette poste sul fronte e sul retro
CONTINUA A LEGGERE

La casalinga di Voghera nella trappola delle etichette reticenti

Appena il 6% distingue i veri prodotti italiani. E li cerca sui banconi di negozi e supermercati

Sui consumatori, le loro attese, le abitudini di acquisto ho letto tonnellate di carta. Ai consumatori si attribuisce di tutto. L’industria, in particolare, pretende di interpretarne attese e desideri e su questo equivoco costruisce sapienti campagne pubblicitarie e iniziative di marketing. Quel che pensino veramente donne e uomini che ogni giorno fanno la spesa è
CONTINUA A LEGGERE