Latte, formaggi, pasta e riso: le etichette trasparenti spariranno presto

La Commissione Ue cancella l'obbligo di indicare l'origine dell'ingrediente primario per migliaia di prodotti

Come comperare il vero olio made in Italy: venti domande per riconoscerlo sui banconi

Le bottiglie, i loghi, le bandierine tricolori: cosa guardare per non mettere nel carrello l'extravergine tarocco

Contrordine: gli insetti non si possono (ancora) mangiare

Per commercializzare gli esapodi a scopo alimentare è necessaria un'autorizzazione. Che non c'è ancora

Occhio alla trappola dei cibi naturali. Nessuno sa cosa siano, né come riconoscerli

La naturalità degli alimenti che mangiamo non è codificata da alcuna norma e l'Europa fa finta di non vedere. Si può scrivere quel che si vuole

Ferrero cambia la ricetta della Nutella. E i tedeschi s'incazzano

Secondo un'associazione dei consumatori di Amburgo, il latte è aumentato a scapito del cacao. Ma da Alba dicono: «Tutto come prima»

Camoscio d'Oro, svelato il mistero del formaggio non formaggio

Le Fette Morbidissime Camoscio d'Oro, contengono il carbonato di calcio, un colorante. E non possono essere definire "formaggio"

Latte, formaggi, pasta e riso: le etichette trasparenti spariranno presto

La Commissione Ue cancella l'obbligo di indicare l'origine dell'ingrediente primario per migliaia di prodotti

Le etichette trasparenti sono destinate a sparire. Presto. L’Europa ha approvato con modifiche trascurabili la bozza di regolamento  pubblicata a gennaio in consultazione pubblica sull’etichettatura dell’ingrediente primario per i prodotti la cui presentazione potrebbe trarre in inganno i consumatori. Il provvedimento era atteso da anni, dopo che il Regolamento Ue 1169 del 2011 aveva incaricato
CONTINUA A LEGGERE

Come comperare il vero olio made in Italy: venti domande per riconoscerlo sui banconi

Le bottiglie, i loghi, le bandierine tricolori: cosa guardare per non mettere nel carrello l'extravergine tarocco

Ecco una guida per acquistare soltanto l’olio d’oliva extravergine italiano. In fondo al post le 7 regole d’oro per portare a tavola il vero extravergine italiano. Domanda 1 Quali sono le indicazioni obbligatorie che devono comparire per legge sulle confezioni di olio extravergine d’oliva? a) la denominazione di vendita; b) l’indicazione dell’origine (ma solo per
CONTINUA A LEGGERE

Contrordine: gli insetti non si possono (ancora) mangiare

Per commercializzare gli esapodi a scopo alimentare è necessaria un'autorizzazione. Che non c'è ancora

Ci siamo sbagliati. Tutti. Gli insetti non si possono ancora mangiare. Contrariamente a quanto previsto dal Regolamento europeo sui novel food, il 2283 del 2015, entrato in vigore il primo gennaio 2018, in Italia non si possono mangiare gli insetti. Per ora. A puntualizzarlo è il Ministero della Salute. Con una informativa a cura della Direzione
CONTINUA A LEGGERE

Occhio alla trappola dei cibi naturali. Nessuno sa cosa siano, né come riconoscerli

La naturalità degli alimenti che mangiamo non è codificata da alcuna norma e l'Europa fa finta di non vedere. Si può scrivere quel che si vuole

Scorrete a caso un bancone di prodotti alimentari in un qualunque supermercato. Quasi sicuramente vi capiterà di imbattervi in un prodotto che si dichiara «naturale». Non sarà necessariamente biologico, anche se in questa determinata categoria merceologica la naturalità è una caratteristica largamente ostentata. Ma cos’è, precisamente, un alimento naturale? Come facciamo a essere sicuri che
CONTINUA A LEGGERE

La casalinga di Voghera nella trappola delle etichette reticenti

Appena il 6% distingue i veri prodotti italiani. E li cerca sui banconi di negozi e supermercati

Sui consumatori, le loro attese, le abitudini di acquisto ho letto tonnellate di carta. Ai consumatori si attribuisce di tutto. L’industria, in particolare, pretende di interpretarne attese e desideri e su questo equivoco costruisce sapienti campagne pubblicitarie e iniziative di marketing. Quel che pensino veramente donne e uomini che ogni giorno fanno la spesa è
CONTINUA A LEGGERE