Category: NOTIZIE

Contrordine: gli insetti non si possono (ancora) mangiare

Per commercializzare gli esapodi a scopo alimentare è necessaria un'autorizzazione. Che non c'è ancora

Ci siamo sbagliati. Tutti. Gli insetti non si possono ancora mangiare. Contrariamente a quanto previsto dal Regolamento europeo sui novel food, il 2283 del 2015, entrato in vigore il primo gennaio 2018, in Italia non si possono mangiare gli insetti. Per ora. A puntualizzarlo è il Ministero della Salute. Con una informativa a cura della Direzione
CONTINUA A LEGGERE

Il «mio» Oltrepò dimenticato dai trattati internazionali con Canada e Cina

Nessun vino dell'Oltrepò è fra quelli riconosciuti e tutelati da cinesi e canadesi. Le colpe dell'Europa e i silenzi del ministro Maurizio Martina

Se alla Lombardia è andata male per l’Oltrepò Pavese, il «mio» Oltrepò, è stata una disfatta. È completamente escluso dai due accordi siglati dall’Europa con Canada e Cina. Fuori dal Ceta, sigla astrusa che sta per Comprehensive economic and trade agreement, l’accordo di libero scambio firmato con Ottawa. Ed è fuori pure dalla lista delle 100 indicazioni
CONTINUA A LEGGERE

McDonald’s apre a Voghera. Sbaglia chi non lo vuole

Anziché dire no all'apertura del colosso mondiale dei panini dovremmo chiederci perché non sappiamo valorizzare le eccellenze locali. A cominciare da peperone e mostarda

Dunque è ufficiale: nel Parco Baratta, a Voghera, apre McDonald’s. La conferma è arrivata dal sindaco Carlo Barbieri che nel corso di una recente intervista concessa a La Provincia Pavese, giudica positivamente l’arrivo in città di un ristorante della più famosa catena di fast food al mondo. I forestieri non si facciano ingannare dalla terminologia:
CONTINUA A LEGGERE

Sapori, suoni e colori,
ecco il respiro dell’Expo
che porterò sempre con me

È soprattutto attraverso le testimonianze degli «altri» che possiamo rivivere l'esposizione universale

L’Expo ha chiuso i battenti da poco più di quarantottore ma già mi manca. Maledettamente. L’ultimo giorno ho scelto di non esserci. Gli addii non mi sono mai piaciuti. Meglio salutarsi come se ci si dovesse rivedere il giorno dopo. Ed è quello che ho fatto giovedì 29 ottobre. Mi sento, però, di raccontare quel che
CONTINUA A LEGGERE