Category: ETICHETTE

Latte, formaggi, pasta e riso: le etichette trasparenti spariranno presto

La Commissione Ue cancella l'obbligo di indicare l'origine dell'ingrediente primario per migliaia di prodotti

Le etichette trasparenti sono destinate a sparire. Presto. L’Europa ha approvato con modifiche trascurabili la bozza di regolamento  pubblicata a gennaio in consultazione pubblica sull’etichettatura dell’ingrediente primario per i prodotti la cui presentazione potrebbe trarre in inganno i consumatori. Il provvedimento era atteso da anni, dopo che il Regolamento Ue 1169 del 2011 aveva incaricato
CONTINUA A LEGGERE

Occhio alla trappola dei cibi naturali. Nessuno sa cosa siano, né come riconoscerli

La naturalità degli alimenti che mangiamo non è codificata da alcuna norma e l'Europa fa finta di non vedere. Si può scrivere quel che si vuole

Scorrete a caso un bancone di prodotti alimentari in un qualunque supermercato. Quasi sicuramente vi capiterà di imbattervi in un prodotto che si dichiara «naturale». Non sarà necessariamente biologico, anche se in questa determinata categoria merceologica la naturalità è una caratteristica largamente ostentata. Ma cos’è, precisamente, un alimento naturale? Come facciamo a essere sicuri che
CONTINUA A LEGGERE

Ferrero cambia la ricetta della Nutella. E i tedeschi s’incazzano

Secondo un'associazione dei consumatori di Amburgo, il latte è aumentato a scapito del cacao. Ma da Alba dicono: «Tutto come prima»

Dopo 50 anni di vita la Nutella cambia ricetta. E i tedeschi s’incazzano. A poco è valso il comunicato della società di Alba, in provincia di Cuneo. La potente associazione dei consumatori Verbraucherzentrale di Amburgo ha pubblicato sulla propria pagina Facebook una infografica (la riproduco qui a fianco) che segnala il cambiamento principale: il latte scremato
CONTINUA A LEGGERE

Italiane ma non troppo: quello che nessuno vi dice sulle Igp

Mortadella Bologna, Bresaola della Valtellina, Speck dell'Alto Adige: le Indicazioni geografiche protette utilizzano materie prime di origine sconosciuta

Italiani sì. Ma non troppo. I prodotti a Indicazione geografica protetta, Igp in sigla, spesso sono legati al nostro Paese soltanto dal nome. E dalla ricetta. Metti nel carrello la Mortadella Bologna, lo Speck dell’Alto Adige, la Burrata di Andria, oppure la Bresaola della Valtellina? Bene. Preparati ad assaggiare la legione straniera delle materie prime.
CONTINUA A LEGGERE