Torna l’indicazione obbligatoria dello stabilimento di produzione sulle etichette degli alimenti. Forse. Il provvedimento licenziato dal governo Renzi il 10 settembre, l’indomani della manifestazione Coldiretti al Brennero, è infatti uno schema di Disegno di legge di delegazione comunitaria. In pratica una bozza, destinata a passare due diversi esami. Prima a Bruxelles, poi al Parlamento italiano.
CONTINUA A LEGGERE